domenica 10 febbraio 2013

C'E' VITA SU MARTE!

"noi sei anni condannati, voi candidate magistrati"



C'e' vita su Marte.
Come dite? Il drone che ci abbiamo mandato non conferma?
Beh io non ho mandato niente a nessuno e da nessuna parte. Qualche vaffanculo l'ho distribuito in giro, questo si. E quando ero piccolo sognavo di costruirmi un Jeeg robot d'acciaio. Pero' ho anche capito, e presto, un fatto semplice e concreto: l'unica cosa che avrei avuto a che fare con l'acciaio sarebbe stata l'Italsider (oh se son vecchio!, e' da un po' che si chiama Ilva).
Da Taranto andai via, ora ci conservo solo un cugino intelligente. Che fa la prosopopea del lavoro, da sempre. E' anche una brava persona. Spera che l'industria non chiuda. Oddio, lui e' in pensione... ma si preoccupa per il figlio e per i nipoti. Se uno fa la prosopopea del servo e si preoccupa per il lavoro e non per i polmoni dei figli, con tutto l'affetto che nutro per il cugino devo dire, marcisse. Tuttavia io so che lui e' intelligente. E che l'intelligenza non ha mai chiaro e largo spettro, e' una tortuosa applicazione con svariati anfratti bui.
Cionondimeno c'e' vita su Marte - ...anche se il drone non conferma e io non ho mandato niente e nessuno e qualche sogno confuso di costruzioni avveniristiche l'ho nutrito giusto da bambino e in seguito ho distribuito a manate piu' che altro vaffanculo...
Come adesso ne distribuisco uno a quel mio amato cugino.
C'e' vita su Marte e lo ripeto. Sono andato io di persona a controllare. Che se lo spazio si genera, cosa vuoi generare con un drone? Cosa vuoi che riesca a trovare?
C'e' vita e c'e' vita davvero su Marte, scorre a fiumi, non ha coscienza di se' e non ha sponde, quindi si, c'e' vita ed e' vita animale. Si dira' che senza coscienza di se' non c'e' intelligenza, ma e' un errore. Potrebbe essere, questa valutazione, uno di quegli anfratti bui che rendono indefinibile, inafferrabile il concetto. Un bug. Solo un bug. Del resto, comprendere l'intelligenza nella sua totalita', come dovrebbe essere possibile a un solo uomo? Il pensiero e' un collante, una partecipazione collettiva. La solitudine e' un limite che ti ammazza prima ancora di un fallimento d'evasione, di un errore fatale commesso nel tentativo di uscirne. Coraggio, ci si dice, coraggio, si ripete. Chi non ha coraggio immiserisce. Il disprezzo per il mondo e' un alibi e conduce al suicidio.
Insomma c'e' vita su Marte, e ieri ne ho avuto dimostrazione. Altro che droni, altro che mille bocciofile che stampano riviste come A o Umanita' Nova, si chiamano “circoli anarchici” e fanno solo la colla. E poi? Poi in piazza scende la gente, quella che ci mette la faccia. Che arriva alla fine e guarda negli occhi le guardie, dice “non si ripudia violenza, non abbiamopaura, e se l'abbiamo riusciamo persino a fottercene di sentirla”. Mentre mille bocciofile parlano di cazzate, di storia e di pippe, mille paurosi servi si nascondono nelle soffitte e nelle stanzette, attaccati alle mucose sempre piu' secche in preda a stati d'ansia, di morte non solo apparente. Beh, IMPOSTORI (come dice un Compagno), ieri c'era vita su Marte, in bella mostra, rigenerante, passava forte e seria e voi ve la siete persa. Tutto qui, ve la siete persa. E c'e'persino alla fine chi ricorda il decimo, l'undicesimo adesso, giornodi sciopero della fame dei due in isolamento ad Alessandria. Che a parlare di certe cose sembra ci voglia fegato, sembra nessuno possa osare. E poi ti accorgi che invece la solitudine e' un delirio a cui non tutto il mondo ti intende condannare.
Cosi' trovo artisti di musica e vita, la sera a Pescara, vicino al fiume, coi bambini che corrono e sono bambini di tutti. E A. mi guarda negli occhi e mi dice che prima era chiuso in se stesso, e adesso invece tutto monta, adesso c'e' chi partecipa, ed e' cosi' che la situazione nasce e lo spazio si genera.
Scruto il mondo intorno. Il quartiere e' quello accanto al fiume. C'e' vita su Marte, mi dico. E riprendo il cammino.

Ps
Lascio una pagina di questo blog all'Abruzzo (clicca qui). Una pagina del tempo in cui provammo a uscire dall'isolamento. A generare spazio. 
Si, mi piace l'Abruzzo. Ci vediamo presto, ci vedremo per sempre.

19 commenti:

  1. Alle volte non riesco a definire cio' che mi trasmetti, quando ti leggo.
    Ti diverti a creare caos? :)

    RispondiElimina
  2. Adesso non fare il megalomane.. :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e perche', mica ho detto l'ebola...

      Elimina
  3. non c'è cosa peggiore dell'intelligenza sprecata e data in pasto ai veleni dei padroni ma tant'è chi pensa di aver in mano la verità? ma solo una sua faccia, quella che ci appare giusta (giusta?) rimangono le esperienze e i racconti che a volte si condividono delle nostre solitudini. Ho passato due notti in quella casa vicino al fiume in quel giardino diquella casa di quell'Abruzzo è stato sicuramente un tempo, una sera chiaccherando con la mamma di Trakki, mancava solo il fuoco ad aprire uno spazio chiaccherando del cane di Ambra e della mia sicilia. Le solitudini atterrano su Marte a prescindere dalla sua vita e poi non è neanche detto che incontrino altre solitudini e si ricostituiscono...
    e per tornare alle intelligenze, ci sono quelle che hanno successo, che si affermano, ma penso sia sempre perchè si sanno vendere bene e neanch'io ho prodotto molto e non so se per mancanza di coraggio, se per incapacità o per mancanza di intelligenza. Alla fine non me ne importa neanche tanto o forse niente e non sono neanche contraria al suicidio che è sempre meglio che diventare troppo vecchi, secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi ricordo quando arrivasti con due buste piene di birre :) (piu' avanti sulla strada, piu' dentro a quello stesso quartiere, adesso c'e' una cosa bella assai)

      Elimina
    2. hanno fatto un centro sociale nello zuccherificio?

      Elimina
    3. guarda, dovresti solo che vederla :) magari capita...

      Elimina
    4. mi fai venire la curiosità :)) e poi mi sono sbagliata nettamente o che nei miei sogni alchemici ho trasformato il cemento in zucchero?

      Elimina
    5. :))) e si alchimista. quello de Lafarge e' decisamente cemento...

      Elimina
  4. Non so perché...ma questo post mi ha commossa..per tutto quello che c'è dietro e che ho letto io tra le righe..probabilmente (forse) reinterpretando a modo mio..
    Un abbraccio :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scommetto che quel posto vicino al fiume ti piacerebbe. anche pèerche' non so immaginare qualcuno a cui non piacerebbe :)

      Elimina
  5. L'intelligenza è una tortuosa applicazione con svariati anfratti bui... che frase bella!! :)
    Che post bello :)

    RispondiElimina