mercoledì 6 febbraio 2013

DAVANTI AL CINEMA TIBUR


Scarna, una scena montata sulle assi di legno a teatro -gente in costume che picchia coi piedi o intona un acuto o sparla a sproposito e canta come un pesce l'alfabeto muto. Ho cosi' tante camere dentro che mi sento un ostello. Poi l'aria si fa piu' fredda, e rimaniamo soli, io e l'assurdo. Ogni assurdo e' delirio di quarto ritratto.
...Quando le strade saranno vuote, quando ci sara' meno gente che al lunedi sera, quando ci saranno quasi solo macchine rotte e abbandonate, con vetri appannati e gente a dormirci dentro, quando la gente sentira' il brivido al pensiero di uscire da casa.,, Tutto si genera. Anche questo sospeso tra un brivido e un futuro senza divenire.
Com'e' il film, madre?
Gia' visto. Sono decenni che giro per strada accucciandomi agli angoli a scrivere, come fanno certi altri per cacare.

Lucciole per lanterne e candele mosce.
Il senso e' una costruzione. E questo e' il senso redatto. Nessuna evasione. Identico a tutti brucio ossigeno e mi annullo. Mi trasformo. Nutro l'aria. L'aria sempre piu' fresca.

La gente si ammassa. No, non qui e ora. Ma la gente si ammassa. Insieme a ratti, gabbiani, piccioni, e scarafaggi. Si scalano cancelli malgrado le mani bucate, malgrado gli sguardi torvi degli approfittatori e dei disperati che chiamiamo compagni. Si occupano stabili vuoti e abbandonati. Si scavalcano mura, si festeggiano le nuove frontiere, si ingoiano bocconi amari ignorando d'essere amari per altre bocche che ci masticano poco, gole che ci ingoiano. Si giustifica la durezza, la crudelta'. Si negano carezze, si negano accessi. Ci si preserva. Si osserva. Si cade. Si scava si giace o ci si rialza.
Il sole intanto s'avvicina a una stanza e riscalda il muro. La mattina inventa il giorno nuovo. Li' c'e' un bosco, un monte, il silenzio. Li' dove vado, c'e' silenzio e un nuovo entusiasmo. Perdonate se anche questo vi sa di fiele, perdonate voi belligeranti, sagge, lontane fiere.

41 commenti:

  1. a quanto una stanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la domanda e' "a quando". si occupa, non si loca.

      Elimina
    2. Ah quindi sei a gratis. Si possono portare amici in camera? :D

      Elimina
    3. gratis?? non hai idea di cosa sia una occupazione eh? anima candida...

      Elimina
    4. Parole sante :) Candidissima :)

      Elimina
    5. esistono medicinali contro la candida, dovresti saperlo alla tua eta' :P

      Elimina
    6. Detto da te che piuttosto che assumere anche dei semplici fermenti lattici preferisce star male ... e non andiamo oltre eh :D

      Elimina
    7. smettila di dare retta alla pubblicita' Carpa...

      Elimina
    8. Testa dura ... ops scusa, Caprone! :)

      Elimina
    9. durissima, in effetti. ma c'e' chi ci si tortura coi fermenti.

      Elimina
    10. Sì infatti, pensavano di inserire i fermenti tra gli strumenti di tortura esposti in tutti i musei delle torture. Pensa che sadica che sono. Io li ho usati persino sulla gatta!

      Elimina
    11. sadica. hai mai pensato di entrare in magistratura?

      Elimina
    12. Sì! Potrei finalmente torturarti! Sempre secondo legge eh :D

      Elimina
    13. senza quella diventa molto difficile in effetti.

      Elimina
    14. Ti conviene stare alla larga allora eh ^__^

      Elimina
  2. Dovrei avere 30 anni!
    La cosa mi ha un po’ spaventato.
    “Ormai è finita,
    oh sogni
    oh fantasie.
    Adesso è il momento
    Di essere come sei.
    Realpolitik ora
    E basta con la menzogna,
    vortice per elevarsi!”
    Ma il vagabondo
    Sarà di sicuro incorreggibile.
    Paul Klee 1909

    RispondiElimina
  3. ho parlato, cantato e ho lamentato, saltato giù da ponti a attraversato mari, forse stretti e ho sentito sferragliare ruote di treni lungo notti che sembravano non aver mai fine... non serve fuggire, non serve sfuggire se quello che volevo allontanare un giorno mi ha raggiunto
    là dove vado c'è silenzio e forse nuova gioia o forse non più e la babele di linguaggi che non si incontrano più e come diceva forse Euripide, o forse non era neanche lui: "non sprecare lacrime nuove per vecchi dolori" e perdonate voi che avete le parole, perdonate il mio silenzio
    è la mia vita di oggi questo tacere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non chiedeva perdono davvero. se lo prendeva.

      Elimina
  4. ci si preserva
    ci si preservativizza, anche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ecco... non e' un cappello quello strano copricapo che indossi :PPPP

      Elimina
    2. no che non è un cappello
      e no che non è nemmeno il capo, quello con il copricapo
      :-PPP

      Elimina
    3. cazzo, rimetti il cappuccio o non sputare quando parli!

      Elimina
  5. Mi piace molto l'immagine dell'ostello..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da giovane capitava mi sentissi un mercato. attualmente sono migliorato. alle 23 il regolamento impone almeno di abbassare la voce agli ospiti!!! :P

      Elimina
  6. quante cose davanti al cinema!! :-)




    RispondiElimina
    Risposte
    1. piu' che dentro, immagino. ed e' un multisala...

      Elimina
  7. sì...proprio a quello pensavo...altro che cinema !!! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perche' quello e' un multisala, ma fuori e' pieno di ostelli :)

      Elimina
    2. eh..sì...e gli ostelli servono degli ottimi...vinelli ^_^

      Elimina
  8. http://ilfattaccio.org/2013/02/08/a-a-a-cercasi-custode-per-isola-scozzese-disabitata-video/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (ricordate che avete una figlia adulta :P ... salvate anche me :P)

      Elimina
    2. quelli al massimo salvano me :P

      Elimina
    3. ehi Noe', non ci riconosci? siamo il minollo e il rostocco!

      Elimina
    4. eh mi spiace, ma sull'arca già ci stanno ;)

      Elimina