domenica 3 febbraio 2013

UMANITA'


Piano, piu' piano, le parole s'accodano ai versi e il poeta le insegue. Siamo qui, claudicanti, mentre il mare diventa palazzo e il palazzo periferia. Un tir scoreggia diesel bruciato e il poeta cambia lato da cui spinge la bicicletta. Sorride. Le scritte sui muri non hanno valenza rivoluzionaria, dice. Ma il senso e' una pausa tra terzine di deliri e razionalizzare il delirio e' come scalare una cascata d'acqua a mani nude. Bevi, annega, prega. Piegati alla natura di quel cancro che e' il cervello. 
Sembra ignorare, il poeta, che la proprieta' infierisce procrastinando la speranza. La vedi? E' un muro di cemento che impedisce l'incontro. 

Non e' possibile imporre canoni di legittimita' all'esistenza degli uomini. Non e' il tempo impiegato, non e' la riflessione che conduce all'opera, non e' l'opera. 
Ciao, sono forse io un uomo. Semplicemente esisto, in questa paglia-giaciglio che accoglie il mistero. E tu stringimi forte. Anche mentre annego.

25 commenti:

  1. pensa se non ci fossero i muri!!! dove scriverebbero le poesie e le rivoluzioni, come le dichiarazioni d'amore ad una ragazza che vorrebbe diventare una ex.
    difficilmente le persone trovano compagni con cui condividre o comprendere tutto, ma so che è bello quando la notte prende il sopravvento un compagno che mi abbracci, stringendomi forte acquieta la mente e il mistero può compiersi... domani è sempre un altro giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) domani mi sa di "in un secondo tempo"...

      Elimina
    2. l'abbraccio forte acquieta il mio cervello annegato di oggi e :) "del doman non v''è certezza" !!!

      Elimina
  2. Magari “Le scritte sui muri non hanno valenza rivoluzionaria” ma a volte hanno un senso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse addirittura sempre, per chi le fa, ne hanno. spesso capita che ne abbiano anche per chi le legge. io cmq abuso delle mura... a prescindere.

      Elimina
  3. Io ho gli incubi sugli annegamenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vai a dormire col boccaglio!

      Elimina
    2. Eppoi soffoco. Ma va...
      Piuttosto triste.

      Elimina
    3. eh, ma non te en va bene una!!! :P

      Elimina
    4. e uno? almeno uno ti va bene?

      Elimina
    5. Uno dici?
      Dipende dai punti di vista :D

      Elimina
    6. ci vedo doppio. ma posso presentarti un gambero (sai quando fai una battuta e speri che nessuno la capisca?).

      Elimina
    7. Mi sa che c'hai preso, perchè io sta battuta non l'ho capita.....

      Elimina
    8. beh potrei presentarti anche un canguro. e adesso la smetto. mi e' andata bene una volta, forse due... basta col rischio, so' vecchio... :P

      Elimina
    9. Ah. . . .
      Ok. . . .
      Ho capito, entrambe, credo.
      Mmh.

      Elimina
    10. ha suggerito google eh...? :P

      Elimina
  4. IL PARADOSSO è CHE "I CANONI DI LEGITTIMITà ALL'ESISTENZA" SONO PRETTAMENTE UMANI...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi viene in mente g wilder in fr Junior... :P

      Elimina
  5. Semplicemente esisto..e cerco di non annegare..e se mi impegno..posso riuscirci..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. adesso, poi, che il 21 12 2012 e' passato senza tsunami... :P

      Elimina
  6. Il punto e' che non si stringe mai abbastanza forte, ci si aspetta sempre che lo faccia l'altro.
    E poi si muore galleggiando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm... c'e' roba che sta sempre a galla... :P

      Elimina