venerdì 22 marzo 2013

GRAVITA'


Sotto i roveti c'e' il passo, che precipita accelerando fino al fondo, seguendo e condividendo il destino di ogni corpo qui sulla Terra. Eppure io so che la gravita' e' negli occhi di chi ci osserva e che queste montagne, queste belle brulle dagli occhi di ghiaccio, hanno forma e segno della pioggia trascinata con gli occhi. E allora perche' non voli? mi chiedono, dall'alto dei loro screpolati androni ove rinvengono talvolta reperti di domande. Ma sono solo eco alla mia mente. Oltre questo grido che infiamma l'aria e scaglia al muro madidi io sono, c'e' l'ignoto, la morte. E' cosi', e' per me e per tutti, se in questo ci risolviamo. Se questo siamo e questo e' il mondo che noi abitiamo. Eppure io so che vivo oltre il corpo al quale sì, partecipo, ma senza farci piu' di tanto conto ne' affidamento. Con scemante entusiasmo, mentre sempre piu' labile appare il limite oltre il quale si cambia forma. E' la certezza che tutto questo continuera' quando nessun confine piu' mi separera' dall'infinito. E che tutto ha sì forma per via di un lavoro delle nostre talentuose menti, ma che come i sassi precipitiamo comunque, verso un indeterminato che ci inghiotte e nutre.

20 commenti:

  1. Dal solipsismo a un idealismo hegeliano. Bella lettura durante il mio té pomeridiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Té verde, l'arma contro la mia ipocondria.

      Elimina
    2. gruppo 0, sono piu' da te bianco :) ma per fortuna non sono ipocondriaco!

      Elimina
    3. Io anche sono gruppo 0! :)

      Elimina
    4. siamo la maggioranza. la cosa non depone a nostro favore...

      Elimina
    5. Siamo i discendenti diretti degli elohim! :D

      Elimina
    6. erano prolifici sti' elohim! :P

      Elimina
  2. io sono e il mio mettermi in gioco, e non è il rischio per il rischio, dalla bellezza del pensiero che crea al tuffo dentro il baratro, nessun rischio, solo il gioco della vita...
    mi piacerebbe separarmi da questo mondo lungo la strada dei miei viaggi, dei miei sogni, domani o quando sarà senza fama e senza lode e senza patti con un dio di sorta, neanche di facciata, neanche fosse il diavolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realta' non credo nel rischio :) figurati se credo nel diavolo... :P

      Elimina
    2. nemmeno io ci credo ma il gioco invece mi piace :P

      Elimina
    3. a nascondino nel bosco :)

      Elimina
  3. Credo che anche il tuo corpo faccia poco affidamento su di te. Mi chiedo come mai :)

    RispondiElimina
  4. Alla fine poco importa perchè io non sono io. Ho scoperto di essere l'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo l'avevo capito dall'ultimo post che hai lanciato. se ti capitasse di rivedere Lorenzo me lo saluti?

      Elimina
  5. molecole che interagiscono...nulla si crea nulla si distrugge...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o anche perdersi ritrovarsi non riconoscersi.

      Elimina
  6. sì...ed è affascinante tutto questo...

    RispondiElimina