mercoledì 13 marzo 2013

HABEMUS PAPAM (EVENTI - MARZO)





Di papi dimissionari ne contiamo due in venti secoli. Di fumate al Vaticano qualcuna ogni tot di anni. Dei roghi, delle torture e delle guerre che i preti alimentano abbiamo perso il conto.

31 commenti:

  1. Ma ne teniamo traccia. Anche se non è servito a molto giacché le cattive abitudini non si son perse, semmai hanno affinato i metodi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu devi bruciare sul rogo e finire all'inferno in un girone a caso (tipo una cosa random) :P

      Elimina
    2. un girone di sola andata!

      Elimina
    3. io e G3rt siamo esperti in fatto di gironi e di ritorno. sei spacciata Martello. te accanniamo li', manco fosse agosto e tu uno spinone sulla piazzola della genova ventimiglia.

      Elimina
    4. I gironi son limitati, ma i cerchi ve li farei fare tutti a voi due. Ché tanto un po' di contrappasso non vi farebbe male eh.

      Elimina
    5. un tango argentino magari...

      Elimina
    6. Vi ci vedo. Chi è che conduce? :)

      Elimina
    7. In tema di chiesa e papato in effetti sarebbe più gradita una donazione ... :P
      Comunque è un peccato, pensavo già di creare per l'occasione l'etichetta "last tango before forest" :D

      Elimina
    8. sempre casualmente ovviamente

      Elimina
  2. ho appena sentito anch'io e ha scelto pure un nome pretenzioso, certamente falso ma loro pensano sempre sia l'abito a fare il monaco, ops il papa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "buongiorno buongiorno io sono francesco e questa mattina mi son svegliato presto" cit.

      Elimina
    2. a sapere a quale francesco si sia ispirato?

      Elimina
    3. per umiltà al mulo, senza dubbio.

      Elimina
    4. chiaramente. non la vedi l'umilta' che gli cola dalle orecchie?

      Elimina
    5. avete ragione e senza ombra di dubbio, ma almeno è bello il santo, ops il mulo?
      adesso cerco in rete una sua fotografia, perchè forse mi sto perdendo la notizia massima della giornata.

      Elimina
    6. C'è un libro che ho letto da poco. S'intitola "il potere del cane". Tra i vari personaggi c'è un vescovo messicano che ha una puttana di lusso per amica e frequenta narcotrafficanti e usa potere e conoscenze per ricattare il nunzio apostolico fascista e diffondere la (ve la ricordate?) teologia della liberazione. Alla fine, un personaggio simpatico (che ovviamente muore ammazzato come Oscar Romero nel Salvador).

      Elimina
    7. @Angi no, il mulo non e' bello, ma ha un mezzo di sangue blu :P

      @G3rt i vescovi che professano la teologia della liberazione vogliono liberarsi... dalla concorrenza. sono un po' come gli anarco-capitalisti che se la pigliano con lo stato. mi segno il libro.

      Elimina
    8. In alcuni casi, i preti in Sudamerica furono i veri sindacalisti dei senza terra. Poi furono fatti fuori o messi a tacere dalle gerarchie. A me non importa se uno è prete, se, in quel momento, va dove sto andando io. Detto questo, mi trovo anche io a parlare del papa e questo mi fa girare i marroni perché porcavacca che c'entro io col papa?

      Elimina
    9. G3rt, se scopro di stare andando dove sta andando un prete... come minimo mi preoccupo :)

      Elimina
    10. ahahahah infatti appena ho riletto quel che ho scritto...ho cominciato a preoccuparmi :D

      Elimina
  3. Dopo, in ordine d'importanza, il frate, il mulo e il dj ora abbiamo pure il papa. Francesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sento vicino al mulo parlante.

      Elimina
    2. beh tra ciucci ci si intende :)

      Elimina
    3. tra ciucci parlanti, poi...

      Elimina
  4. e molti li dimenticano facilmente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e molti non li vogliono manco ricordare. e altri ancora ci campano sopra. del resto sarebbe impossibile perseguitare le streghe se a tantissimi non facesse comodo chiamarle streghe.

      Elimina