sabato 23 febbraio 2013

DEMOCRAZIA o DIRETTA E IN DIRETTA (EVENTI - FEBBRAIO 2013, parte seconda)




Cara ragazzina forse carina col cartello sollevato sopra la testa, volevo dirti:
...certo che se per "studiare" intendi: recarsi in istituti con precisi programmi didattici (architetture, strategie etc etc), e ci resti il tempo che ti dicono a perseguire quello che ti indicano come perseguibile...  beh allora non ti fanno studiare solo perche' non ne vale la pena, visto che ti addestri e amministri e governi gia' abbastanza alla grande da sola...



ps

L'unica cosa sicura dell'istruzione obbligatoria (dove per obbligo non si intende necessariamente solo quello imposto dai carabinieri) e' che i giovani umani a essa soggetti dovranno farci i conti, in un modo o nell'altro, per almeno otto anni delle loro vite.
Non intendo dire altro, solo questo. Chi puo' negarlo?
Posto un istituto, al suo interno, per miriadi di posizioni sfumate non esclusa quella del furbo che marina le lezioni, dovremo confrontarci e crescere. Dovremo farci i conti e rischiare di esaurire li' le nostre capacita' di evoluzione. Dovremo lottare anche solo per liberarcene o farne a meno o trarne profitto.
Quindi, posta l'istituzione democratica del voto, mi sembra che al suo interno, non escluso il partito degli astensionisti, ci si muova tutti esaurendo energie in una battaglia che diventa a dir poco sterile se esportata per un attimo all'esterno del dibattito.

Leggete una qualsiasi disputa sul voto (o non voto) nel web, in questi giorni. Fatelo come se vi affacciaste sul vetro di un flipper a spiare delle biglie. Attenzione a non andare in tilt.

2 commenti:

  1. Vogliamo parlare dei giovani laureati o laureandi che vanno ai quiz in tv e non sanno dov'è la Slovenia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e dire che sono i quiz tv a non comparire sulle mappe, mica la Slovenia!

      Elimina