sabato 26 gennaio 2013

L'AMORE AI TEMPI DELLA SOGLIOLA ALL'URANIO

Certi segugi nascono ingenui. Con un olfatto a cui rendere conto, ma assicurati per piccole capacita'. Fili d'erba leggeri che si flettono, si spezzano, si pettinano increduli sopra altri mondi. E quelli magari esistono davvero, ma ai segugi non importa. 
Di sicuro io, non essendo segugio e anche se poco mi importa, so che esistono i lupi. Esseri soggetti al calcolo automatico, preciso, regolato sul metro dell'immediato. Pure loro poco inclini a credere nell'esistenza d'altri luoghi e di altre forme. 
E' la malizia, ecco cos'e'. Ad avercela cancelli parti di universo, e a non avercela hai lo stesso risultato.
Cosa pensano i segugi ingenui della miseria? Si confondono a guardarla, si appellano al superiore. E i lupi? I lupi la miseria la disprezzano, perche' nel calcolo la miseria e' dove sta lo zero. Un lupo chiama zero giusto un osso spolpato, senza carne. O meno, certo, anche meno. Giusto un sasso che non si puo' nemmeno rosicchiare.
E' che ogni ritmo e' imposto, ogni ruolo.
Eccola la miseria, nasce con l'opulenza. E' la dicotomia, una bolla d'aria, identica in questo a tutte le altre dicotomie. Un dono della civilizzazione. L'opera stessa da cui nasce la civilta'. Cosa vuoi che pensino ferocia e ingenuita', lupo e segugio, delle categorie civili?
L'istinto non pensa, non e' domato. Negli individui e' ridotto, carcerato, ma pulsa, resiste facendo flessioni nel buio di una cella d'isolamento. Basta poco, si perpetua e capita persino che sia contento.
Riempiamo pagine, riempiamo vestiti e scriviamo canzoni. Da soli. Sempre e comunque da soli.
Attraversando l'Emilia innevata ho pensato a Zivago che compone versi per la sua Lara. Poi la sera mio padre sembrava aver rintracciato quel mio pensiero e mi ha citato un pezzo del film con Omar Sharif, tratto dal romanzo di Pasternac. E che sia da un finestrino di treno, nella memoria di un ragazzino, su un libro o dentro un film, Zivago comunque sta li', in una casa di ghiaccio tra la neve e i bolscevichi. Ama ride tradisce scrive. Fuori dal tempo. Simile ai due amanti sul barcone con la bandiera gialla del colera. Ai tempi del colera, quando l'amore davvero poteva non finire mai. Protetto da un trucco, da uno stratagemma.
Io vivo ai tempi della sogliola all'uranio. E cerco il mio stratagemma per estendere all'infinito un inverno nella casa gelata, una rotta inconcludente all'ombra di uno stendardo d'ittero. Tra spazi definiti, serviti, sconsolati. Tra aree apparentemente immense, civilizzate e soggette a misura. Tra spazi deformati, visi deformi e corpi alla ventura.

14 commenti:

  1. Ognuno cerca di ritagliarsi un suo angolo privato di "normalità".
    Sì, siamo sempre soli in realtà, anche se ci si accompagna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e' talmente assurda la bolla in cui viviamo da due milioni di anni, che certe volte parte una scheggia, sfugge alla dicotomia e allora forse, in quel luogo non luogo letto come assurdo dagli altri, viviamo davvero un po' di "normalita'".

      Elimina
    2. ci viviamo dentro, ci nasciamo, lo produciamo.

      Elimina
    3. Sì, ma quello che per te è "normalità" per qualcun altro è assurdo e quindi l'assurdità, in questo senso, sta negli occhi di chi guarda.
      Ogni angolo di normalità è assurdo per un altro e quindi è come dire che tutto è normale e tutto è assurdo.

      Elimina
    4. se vedessi una tigre portarsi dietro una paletta per raccgliere la propria cacca diresti che e' normale? non so per il resto, ma si vive nell'assurdo da due milioni di anni circa. e anche il relativismo, nasce in questo assurdo.

      Elimina
    5. Mi sa che gli serve un badile e non una paletta :P

      Elimina
    6. beh si, con un badile sarebbe normale in effetti ... :P

      Elimina
  2. Beh avere un padre con cui parlare così come scrivi qua sopra vale la pena di vivere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mio padre vale sicuramente la pena. talmente tanto che non riesco ad immaginarne uno che non la valga.

      Elimina
  3. ma noi ci reputiamo intelligenti e da bravi segugi critichiamo l'ingenuità altrui...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sempre dai. sono solo istantanee per fortuna ;)

      Elimina
  4. e fosse solo la sogliola all' uranio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti anche le braciole al cadmio mi preoccupano un po'

      Elimina